Lenti a contatto

Per coloro che preferiscono indossare lenti a contatto in alternativa agli occhiali da vista, l’Ottica Carlo La Barbera, situata nel cuore di Roma, offre la possibilità di scegliere tra numerose tipologie e marche di lenti. Si applicano lenti a contatto dure (rigide), morbide (flessibili) e ibride (rigida al centro e morbida in periferia).

 

Perché scegliere le lenti a contatto

 

Esse rappresentano numerosi vantaggi, ad esempio migliorano l’aspetto estetico (psicologico), ottico (performance visiva), patologico (performance terapeutica), pratico (sport, attività lavorativa dinamica) e protettivo (traumi meccanici).

 

Prove ed esami a cura dei nostri contattologi

 

Per una buona applicazione e scelta della tipologia di modello, i contattologi (gli ottici optometristi) dell’Ottica Carlo La Barbera effettuano accurati esami preliminari per conoscere lo stato funzionale, visivo e oculare dell’eventuale portatore di lenti a contatto.

 

Per valutare la performance delle lenti a contatto sugli occhi del portatore, si effettuano varie prove.

 

Una volta reputata soddisfacente l’applicazione delle lenti, i contattologi istruiscono il portatore a indossarle e indicano il miglior tipo di manutenzione delle stesse e gli integratori lacrimali per porto delle lenti a contatto più confortevole.

Gaspermeabili

Le lenti a contatto gas permeabili (GP) o lenti a contatto rigide gas permeabili (RGP), sono una tipologia di lenti che hanno visto il loro primo utilizzo negli anni ‘70/80.

 

Ovviamente le successive tecnologie e la ricerca nel campo hanno permesso di migliorare sempre più una perfetta ottica e il comfort di portabilità.


Al giorno d’oggi le gas permeabili permettono di avere un’ottica molto più limpida rispetto alle lenti morbide, anche perché operano un maggior rimodellamento della cornea rispetto alle lenti morbide.


Seppur alle lenti a contatto morbide l’occhio risulta adattarsi più facilmente bisogna però spiegare che anche le gas permeabili, seppur meno comode, ci si abitua presto ad indossarle e sono di grande aiuto per correggere diversi problemi della vista, come l’astigmatismo.

 

Ibride

Questa tipologia di lenti a contatto permette di avere un confort maggiore rispetto alle lenti rigide.

 

Le lenti ibride hanno al centro una lente gas permeabile e nella zona più esterna una lente morbida. In questo modo non si sacrifica la qualità visiva.

 

Particolarmente adatte alla correzione di irregolarità corneali dovuti a cheratoplastica, a traumi corneali o a condizioni degenerative.

 

 

lenti a contatto

Morbide

Lenti idrofile, sono così dette le lenti a contatto morbide, in quanto la loro composizione prevede i polimeri che hanno proprietà di assorbire e di trattenere l'acqua, tra il 36 al 70%.

 

Questa composizione rendono le lenti, morbide con un migliore adattamento all’occhio e permeabili all’ossigeno, più delle altre tipologie gaspermeabili.

 

Estremamente confortevoli hanno bisogno però di una corretta conservazione e pulizia, perché più soggette a causare intolleranze o complicazioni.

 

La loro composizione rende la superficie della lente più spugnosa facendole assorbire più sostanze sporche come esempio la polvere contenuta nell’aria.

Morbide monouso o a ricambio frequente

Lenti a contatto morbide dette " monouso", "usa e getta" o "disposable", si possono portare per un giorno con uso quotidiano (togliendole la sera) o per una settimana con uso prolungato ( giorno e notte), hanno il vantaggio di non avere bisogno di liquidi per la manutenzione.

Quelle a ricambio frequente si possono mettere per una settimana fino a 3-4 mesi ad uso quotidiano ed hanno bisogno di liquidi per una corretta manutenzione.

 

Questo permette, a chi le indossa, di essere anche più sereno sulla salute dell’occhio, in quanto non essendo soggette ad un uso maggiore di 4 mesi, sono minime le possibilità di incorrere ad infezioni oculari.

 

Nessun problema se accidentalmente si perde una lente, perchè singolarmente ha un costo contenuto.

Share by: